NASCAR Home Tracks

Google+ Twitter Facebook rss

La NWES Presenta la Nations Cup

Continua Il Suo Sviluppo A Livello Internazionale Lanciando Una Nuova Classifica Per Nazioni
Official Release
November 24, 2017 - 3:10pm

La serie ufficiale NASCAR in Europa ha presentato oggi una nuova competizione: la Nations Cup, progettata per migliorare ulteriormente il campionato premiando le migliori nazionali e dando ai fan ancora più stimoli per tifare per i loro piloti preferiti.

Con 21 paesi rappresentati in griglia da più di 60 piloti, la NASCAR Whelen Euro Series è tra i campionati più internazionali nel panorama del motorsport. La stagione 2017 ha visto il primo pilota non europeo conquistare il titolo della Euro NASCAR grazie ad Alon Day, confermando la NWES come il trampolino di lancio ideale verso una carriera in NASCAR per piloti provenienti da tutto il mondo.

Fornendo una fantastica opportunità a piloti e team di competere per il proprio paese, la Nations Cup premierà con medaglie d’oro, argento e bronzo i concorrenti che rappresenteranno le tre nazioni con il punteggio più alto per ogni weekend.

La classifica si baserà sulla somma dei punti ottenuti dal pilota meglio piazzato per ogni nazione in ciascuna delle quattro gare che costituiscono ogni weekend di gara della NWES, dando a concorrenti e appassionati l’occasione di ritrovarsi accomunati dalla propria bandiera.

“Negli ultimi anni abbiamo visto la NWES attirare sempre più fan da tutto il mondo. La Nations Cup accompagnerà questo processo e genererà ancora più attenzione per i nostri piloti e team nei loro rispettivi paesi. Ci aspettiamo che anche gli appassionati supportino alla grande le loro squadre nazionali,” ha detto Jerome Galpin, Presidente / CEO della NASCAR Whelen Euro Series.

Il primo appuntamento con la nuovissima Nations Cup per il 1415 aprile 2018, quando la NASCAR Whelen Euro Series darà il via alla sua stagione al Circuit Ricardo Tormo di Valencia, in Spagna. Portate le vostre bandiere in circuito race fans!


Credits: NASCAR Whelen Euro Series / Stephane Azemard